VENTOTENE

In politica i simboli contano. La visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi all’isola di Ventotene, quel “tornare a casa, dove tutto è cominciato”, quei fiori deposti sulla tomba di Altiero Spinelli sono un messaggio importante, non solo per chi ha dedicato la propria vita alla costruzione di “un’Europa libera e unita”. Definire un’Unione europea scossa da dubbi esistenziali “il più grande successo politico del dopoguerra”, sostenere che “nessun muro può fermare la libertà”, sottolineare che la memoria si preserva costruendo ponti verso le nuove generazioni sono tutte affermazioni coraggiose. Ma, una volta tornati sulla terraferma, l’agenda politica nazionale e quella europea chiamano ad atti concreti, impegnativi e lungimiranti.
Queste le parole di Flavio Brugnoli, direttore del Centro Studi sul Federalismo, nel commentare la visita di Matteo Renzi con il ministro Franceschini a Ventotene, l’isola del confino dove Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi scrissero “Per un’Europa libera e unita”. 

Quel carcere è un simbolo e, oggi che è abbandonato a se stesso, somiglia sempre più all'Europa maltrattata dagli egoismi dei singoli Paesi. Restaurarlo ed evitarne il crollo significa valorizzarlo e dargli nuova vita. 
Allo stesso modo, dobbiamo evitare che le difficoltà dell’oggi possano portare al crollo del sogno e degli ideali europei, i nostri figli ed i nostri nipoti ci giudicheranno anche dalla capacità di trasmettere alti ed integri gli orizzonti che abbiamo ricevuto dalle generazioni che ci hanno preceduti.
Per questo quella visita è un gesto che illumina una strategia e la rende alta e fondamentale.

In allegato 
- l’articolo integrale di Flavio Brugnoli 
- un articolo de La Stampa a commento della visita 
- e una pubblicazione della regione Lazio che mette insieme il Manifesto di Ventotene ed il “Progetto di Trattato per l’Unione Europea” 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento