VERSO IL RITIRO DELL'ATTO DELEGATO VINO

Lo ha annunciato nei giorni scorsi Paolo De Castro, Coordinatore SeD  in Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale al Parlamento Europeo,  che è in arrivo da parte del direttore generale Joost Korte la proposta di ritiro della Commissione europea dell’atto delegato sul vino, una proposta di modifica del quadro normativo vigente che avrebbe messo a rischio vitigni quali «Barbera», «Lambrusco», «Nebbiolo», «Primitivo», «Sangiovese», «Teroldego», «Verdicchio», «Vernaccia» o «Vermentino» , solo per citarne alcuni, liberalizzando nei fatti l’utilizzo del nome dei vitigni in etichetta, anche se tutelati da D.O. 
Sulla questione avevamo presentato con alcuni colleghi una risoluzione  in Commissione a prima firma Fiorio, ed avevamo chiesto l’intervento del Ministro Maurizio Martina e di Paolo De Castro, coordinatore per il Gruppo dei Socialisti e Democratici della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale dell’Europarlamento, ed era intervenuta anche l'Arev.
Una notizia di importanza straordinaria per tutti i produttori di questi vitigni dei nostri territori, che però rafforza la necessità di una seria riflessione sulla necessità di non abbandonare l'ancoraggio delle nostre D.O. al territorio con nomi appunto di territorio.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento