VERSO LA CONCESSIONE PER L’AEROPORTO DI CUNEO-LEVALDIGI

Prendo atto con piacere che il Ministero dell’Economia e delle Finanze avrebbe comunicato, tramite i propri avvocati, un orientamento positivo rispetto alla Concessione all’aeroporto di Cuneo-Levaldigi, e che, sulla base di questo orientamento, il Tar del Piemonte avrebbe rinviato il proprio pronunciamento sugli eventuali danni causati dai ritardi, concedendo un periodo limitato al Ministero per formalizzare l’orientamento alla concessione, e che, infine, qualora questo stesso orientamento dovesse ritardare, scatterebbe un commissariamento della procedura”. Il deputato del Pd Mino Taricco si esprime così, manifestando la propria soddisfazione, intorno agli ultimi sviluppi della vicenda legata alla Concessione ventennale dell’aeroporto cuneese alla Geac, società che gestisce attualmente lo scalo, e all’attesa sentenza del Tar, Tribunale amministrativo regionale, del Piemonte, sui ritardi connessi a questa medesima Concessione e sul risarcimento dei danni causati da essi. Il parlamentare cuneese prosegue poi, in questo senso, sempre sullo stesso tema: “Mi pare di poter dire che si avvicini dunque il momento nel quale finalmente l’aeroporto di Cuneo Levaldigi sarà messo in condizione di poter scommettere, anche attraverso il rilascio della Concessione e l’entrata dei privati, su una prospettiva di crescita e di sviluppo. L’impegno di questi mesi per poter arrivare al rilascio della  Concessione, che a tre anni di distanza dal pronunciamento Enac e dal primo parere favorevole del Ministero dei Trasporti faticava  a vedere la luce, ha dunque oggi finalmente la possibilità di una realizzazione concreta, premessa per uno sviluppo dell’aeroporto che può essere contributo importante allo sviluppo del territorio”.


Una vicenda, questa, che si inserisce in un lungo e articolato percorso che ha avuto avvio tempo fa: in seguito alla mancata concessione iniziale per la gestione ventennale dell’aeroporto cuneese alla Geac da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Tar del Piemonte aveva sentenziato, durante lo scorso settembre, la necessità, per il Ministero, di ovviare a tale situazione e di rilasciare la medesima concessione. Concessione che, tuttavia, non era arrivata nei mesi successivi e nei tempi stabiliti dalla sentenza, conducendo i vertici dell’aeroporto a un nuovo ricorso al Tar.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento