VERSO L'ITALICUM

Mercoledì 15 aprile si è svolta l’Assemblea del Gruppo parlamentare alla Camera dei Deputati per decidere l’atteggiamento da tenere sull’Italicum nel passaggio alla Camera.


L’intervento di apertura del Segretario e Presidente del Consiglio Matteo Renzi è stato seguito dall’annuncio del  Capogruppo Roberto Speranza di voler rimettere il mandato non essendo, su questo importante tema,  in sintonia con la maggioranza del Gruppo.


Dopo alcuni interventi che hanno reso evidente il disagio che la situazione venutasi a  creare a seguito delle annunciate dimissioni del Presidente del Gruppo, si sviluppava un interessante dibattito che metteva in luce le diverse posizioni all’interno del Gruppo PD alla Camera, e si concludeva la serata con un voto all’unanimità dei votanti favorevole ( venivano contati 190 voti a favore ) alla approvazione dell’Italicum nei tempi previsti e senza ulteriori modifiche.


Alla votazione non partecipavano alcune decine di presenti contrari alla linea decisa e molte decine di persone avevano già lasciato la sala.


Personalmente rimango convinto che nelle condizioni date il testo in discussione sia il miglior testo possibile e che purtroppo tanta parte delle riserve che emergono in questi mesi siano meramente  strumentali e non di merito.


Sono state alimentate in questi mesi polemiche  e vengono manifestate  preoccupazioni nei confronti di questa riforma che, combinata con la riforma costituzionale che riguarda anche il Senato, sarebbe capace di una deriva  per la democrazia nel nostro Paese.


Credo convintamente che questa  riforma vada  invece nella direzione opposta.


Il cuore di questa riforma sta infatti nell’ attribuire al voto del cittadino il potere di scegliere sicuramente il partito e i suoi rappresentanti in Parlamento, ma anche il potere di indirizzo politico al futuro governo, conferendo alla scelta del cittadino – qualora condivisa dalla maggior parte dell’elettorato – la forza parlamentare sufficiente a sostenere un esecutivo solido e stabile. Come è noto il problema cronico del sistema politico italiano è la instabilità dei suoi governi. Non vi è altro Paese nell’Unione Europea che abbia conosciuto nella sua storia democratica un tale frenetico avvicendarsi (63 governi nei 70 anni dal 1945 al 2015). Tale cronica debolezza non incide solo sulla forza del potere esecutivo, ma più profondamente sul potere del cittadino o, nel suo insieme, sul potere del popolo di imprimere alla politica un indirizzo, una “direzione”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento