VIA LIBERA DALLA UE ALLA FLESSIBILITA’

Via libera della Commissione Ue all'Italia per la flessibilità tanto richiesta dall’Italia.
Una misura che per il 2017 vale 13,5 miliardi.
Ad annunciare il pare positivo dell’ Ue, sono stati il premier  ed il ministro dell'Economia.
Lo scambio di lettere tra la Commissione Ue e il Ministro Padoan, si è riconosciuto l'elemento della flessibilità e sono stati il vice presidente della Commissione Valdis Dombrovskis e il commissario agli affari monetari Pierre Moscovici a dire che sono pronti a concedere flessibilità: lo 0,50% del PIL per quanto riguarda le riforme economiche, dello 0,25% in relazione agli investimenti infrastrutturali, dello 0,04% per i costi legati alla gestione della crisi rifugiati e dello 0,06% per i costi dovuti all'emergenza sicurezza.
Nella lettera si prende atto delle difficoltà italiane a ridurre il debito pubblico in questa situazione, che è superiore al 130% del PIL, e si tiene conto di questa valutazione dei conti italiani. 
La Commissione UE vuole però da parte dell'Italia un impegno «chiaro e credibile» per quanto riguarda il 2017.
La presa di posizione è dettata – oltre che dal debito che secondo Bruxelles non scenderà tra il 2015 e il 2016 – anche da un deficit 2017 che l'esecutivo comunitario sarà l'anno prossimo all'1,9% del PIL, e quindi la Commissione vuole anche rassicurazioni sull'aggiustamento strutturale del 2017. 
La Commissione chiede anche che il previsto aumento dell'IVA non possa essere cancellato senza misure compensative.

In allegato la lettera UE e la traduzione

e la risposta del Ministro Padoan e traduzione 



  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento