25 aprile 2015 LIBERAZIONE

Ieri abbiamo celebrato il 25 aprile, la liberazione, oltre a fare memoria di cosa è stato il 25 aprile 1945 e, soprattutto per dare continuità alla memoria di coloro che hanno vissuto quegli anni, è necessario cogliere questa occasione per spiegare ciò che è successo ma soprattutto per riflettere su come sia potuto succedere, perché non abbia ripetersi,  sapendo che  la consapevolezza di cosa sono costate la libertà e la democrazia non è scontata, e lo sarà sempre meno mano a mano che la voce di chi quegli anni li ha vissuti sarà meno forte e rischierà di perdersi in lontananza.


Per noi e le generazioni che ci hanno precedute, la democrazia ci è parsa chiara ricordando i tanti uccisi per ottenerla, gli eccidi di cui bambini abbiamo sentito raccontare,  la libertà ci è richiamata dal ricordo del clima di paura e di diffidenza che ci hanno ricordato i nostri nonni ed i nostri zii più anziani, quando non si poteva parlare o criticare senza rischiare pesanti conseguenze ed  il benessere che viviamo sappiamo che ha radici nella fame o nel razionamento del cibo che le nostre comunità hanno in larga parte sperimentato e che nelle veglie a sistemare il mais ci raccontavano .


E’ un richiamo forte al dovere di dare continuità ad una memoria, perché libertà e democrazia sono una conquista e vanno difese e  costruite ogni giorno,  perché  non  sono scontate per sempre.


 


Di seguito allego lo schema della  Orazione Ufficiale che ho svolto il 25 aprile 2015 a Carrù


 


ed anche una interessante inserto de La Stampa


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento