DIAGEO: IL MINISTERO RISPONDE ALL'INTERROGAZIONE PRESENTATA.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha risposto positivamente all’interrogazione presentata il 10 ottobre u.s. a mia prima firma, insieme ai colleghi  Chiara Gribaudo, Giovanni Monchiero, Mariano Rabino e Massimo Fiorio.  
Avevamo sollecitato un chiarimento in merito alla critica situazione dell’azienda nel sito di Santa Vittoria d’Alba, dopo che lo scorso 3 ottobre, la TWE, l’azienda australiana cui Diageo ha venduto la parte di produzione vini, ha annunciato l'intenzione di voler recedere dall’accordo, rinunciando ad avvalersi dal mese di aprile 2017 dell' impianto di Santa Vittoria d'Alba. Il management aziendale di Diageo Operation ltaly aveva precisato che la decisione era determinata esclusivamente da motivazioni di tipo economico e che avrebbe causato una diminuzione del 40% della produzione dello stabilimento con il rischio di un conseguente esubero di 120 lavoratori, tra impiegati ed operai. Un prezzo pesantissimo per il territorio, per cui abbiamo ritenuto necessario chiamare in causa il Governo».
 
Al fine di esaminare la vicenda occupazionale, il 14 ottobre scorso si è svolto presso il Comune di Santa Vittoria d'Alba un incontro cui erano presenti anche la Regione Piemonte, le istituzioni locali e le organizzazioni sindacali. In tale occasione, la Regione Piemonte si è impegnata a incontrare nuovamente l'azienda per approfondire la problematica e valutare l'adozione di eventuali strumenti, di competenza regionale, che conducano ad una risoluzione positiva della vicenda.
 
Ora anche il Ministero dello sviluppo economico, ha manifestato la propria disponibilità ad attivare un tavolo di confronto, per i profili di competenza, qualora le parti ne facciano richiesta, mentre il Ministero del lavoro ha garantito che continuerà a monitorare i futuri sviluppi della vicenda mettendo in campo tutti gli strumenti previsti dalia normativa vigente a salvaguardia dei livelli occupazionali attuali.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento