NEWSLETTER n. 7/2019

Carissime e carissimi,

mentre scrivo queste poche righe, le notizie che rimbalzano sugli organi di stampa sono sostanzialmente riconducibili a due grandi gruppi di argomenti:

- Il tema della moralità, della legalità ed in ultima analisi il tema del senso delle Istituzioni in tanti che in questa stagione, purtroppo non è neanche la prima, ricoprono incarichi apicali nelle Istituzioni stesse;

- e l’andamento dell’economia e dei conti del Paese, soprattutto dopo che la Unione Europea negli
scorsi giorni come ogni anno ha reso pubbliche le stime sui singoli paesi
, che rendono evidente lo scenario fallimentare in conseguenza delle politiche messe in atto.

* Sul tema della moralità e del senso delle Istituzioni mi permetto di accennare solo alcune brevi considerazioni:

- il quadro desolante che emerge dalle intercettazioni e dalle carte dell’inchiesta in Lombardia, con connessioni  anche piemontesi, al di la di ciò che in modo puntuale la Magistratura condannerà come reato, denota che purtroppo intorno alla “politica” continua a circolare un sacco di marcio, e questo non aiuta in nulla la necessaria riduzione di distanza tra cittadini e Istituzioni, e purtroppo regala continuamente elementi di polemica a tutti coloro che cavalcano il tanto peggio tanto meglio, anche scommettendo sulla memoria corta dei cittadini stessi. Così oggi possono ergersi a portatori d’ordine e a moralizzatori  i leghisti condannati per le “mutande verdi”, e a censori della legge Fornero chi come Fratelli d’Italia l’ha votata, e via discorrendo.

- La seconda considerazione riguarda la doppia morale, quella
per intenderci che aveva portato i 5Stelle a gridare all’attentato alle Istituzioni quando era stato indagato Alfano e a salvare Salvini dal processo senza battere ciglio, quella di chiedere le dimissioni di Siri ma di difendere la Raggi a Roma, e via discorrendo.

- La terza considerazione in merito alla vicenda Siri, è che
a mio giudizio sulla sua vicenda attuale farà chiarezza l’inchiesta, ma il vero tema è che non si sarebbe dovuto neanche pensare di nominare viceministro una persona che ha
patteggiato per bancarotta fraudolenta, punto.

* Sulla situazione economica del Paese ricordo che da mesi evidenziamo i problemi, ed evidenziamo le criticità delle scelte di questo Governo sui singoli provvedimenti, ma anche le derive su un piano concettuale, e purtroppo le notizie che arrivano confermano che il Paese è in sempre maggiore difficoltà, a partire dalla produzione industriale di nuovo in calo, agli investimenti stranieri che dopo il boom del 2015-2016  ed il calo nel 2018, sono nuovamente ulteriormente calati nei primi mesi del 2019, così come calano gli occupati a tempo indeterminato e anche le ore lavorate.

* Un’ultima notizia quanto meno curiosa, quella dei tanti, si parla di oltre centomila, che chiedono di uscire dal reddito di cittadinanza perché gli importi sono troppo bassi.

* Al di là di tutto questo,  tra due settimane saremo chiamati al voto, un voto fondamentale in tanti nostri comuni, per la Regione Piemonte e per il Parlamento Europeo. 

Mi permetto di chiedere a tutti ed a ciascuno di voi un impegno, anche piccolo, perché anche una mail, una telefonata, un WhatsApp può aiutare a fare la differenza, e su questa differenza ci giochiamo il futuro della Regione e della stessa Europa.

QUI  puoi trovare materiale per sostenere sia Chiamparino sia i singoli candidati.

Grazie di tutto e a presto.

Mino

IL MINISTRO DELLA PROPAGANDA

Quando parlo di propaganda, parlo di questo. Nei tantissimi incontri nei quali ho affrontato il tema, ho sempre citato il dato, che tutti gli organismi che si occupano delle migrazioni danno, e ...

BUON PRIMO MAGGIO

Bellissime parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del 1° maggio.“Desidero esprimere la mia vicinanza a quanti lo cercano e ancora non riescono a ottenerlo, a chi lo ha ...

EDUCAZIONE ALLA BELLEZZA

Programma trasversale che si propone di coniugare il punto di vista educativo, attraverso la pedagogia del bello ed un approccio filosofico-estetico, e quello artistico-culturale (conservazione, ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento